lunedì 3 novembre 2014

Recensione: Il labirinto

Buongiorno ragazzi! Come avete passato il weekend? Ma soprattutto come avete passato Halloween? C'è chi questa festa proprio non la sopporta e chi l'adora, tipo me, perchè la vedo come un'occasione per mascherarsi e divertirsi con gli amici! E poi i bambini si divertono un mondo ad andare in giro a fare "Dolcetto o scherzetto?". Ed è sempre un piacere potergli dare carammelline e farli felici ^-^ Voi di che filone di pensiero siete?
Ma ora passiamo alla recensione di questo romanzo che ho finito qualche settimana fa. Devo essere sincera: prima dell'uscita del film non mi aveva mai attirato. Ma poi spinta dalla curiosità e dalla voglia di leggerlo prima di vederlo l'ho preso e l'ho letto in pochissimi giorni!

IL LABIRINTO
di James Dashner
# 1 saga The maze runner

TRAMAQuando Thomas si sveglia, le porte dell'ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome di battesimo. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella Radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra, che non lasciano filtrare neanche la luce del sole. L'unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra del gigantesco Labirinto che li circonda vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l'organizzazione di una società ben ordinata e disciplinata dai Custodi, nella quale si svolgono riunioni dei Consigli e vigono rigorose regole per mantenere l'ordine. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell'ascensore. Il mistero si infittisce un giorno, quando - senza che nessuno se lo aspettasse - arriva una ragazza. È la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo, ed è il messaggio che porta con sé a stupire, più della sua stessa presenza. Un messaggio che non lascia alternative. Ma in assenza di altri mezzi visibili di fuga, il Labirinto sembra essere l'unica speranza del gruppo o forse potrebbe rivelarsi una trappola da cui è impossibile uscire.



RECENSIONE

Thomas si risveglia in un ascensore al buio e si ritrova catapultato in uno strano luogo abitato da un gruppo di ragazzini. Tutti come lui non ricordano niente della loro vita prima della Radura ma ricordano il loro nome. Thomas scoprirà ben presto che questa Radura si trova al centro di un labirinto senza apparente uscita, dato che ogni notte le porte che portano al labirinto si chiudono e le pareti cambiano forma. Il giorno dopo il suo arrivo, arriva una ragazza, la prima da quando quei ragazzi si trovano lì. E da quel momento in poi cambierà tutto e Thomas si troverà coinvolto in molte peripezie e pericoli.
Non vi svelo nient'altro perchè il libro è tutto da scoprire. Succedono tante cose e si scoprono molti misteri legati alle persone che li hanno rinchiusi in quel labirinto.

Ho trovato però l'inizio un po lento e confuso, confusione che condividiamo col protagonista che cerca in tutti i modi di scoprire qualcosa in più sul luogo in cui si trova perchè molti ragazzi non rispondono subito alle sue domande o rispondono in modo misterioso. Ma dopo questa iniziale confusione mi sono abituata ed affezionata ai ragazzi, al loro modo di vivere, a come avevano organizzato ogni attività ed anche al loro strambo modo di parlare. Thomas come protagonista mi è piaciuto. È sveglio, curioso e coraggioso. Non ha paura di rischiare la sua vita per i propri amici e per cercare di uscire da quel labirinto, anche se non è certo immune alla paura, anzi molte volte ha avuto paura e questo suo lato umile me l'ha reso ancor più simpatico. Gli altri ragazzi sono caratterizzati chi più chi meno. Minho e Newt sono quelli che mi sono piaciuti di più. Anche il piccolo Chuck si è fatto amare..

L'ambientazione è spettacolare: c'è l'enorme labirinto che incute timore e ammirazione insieme. Le descrizioni sono ben fatte, anche se non avrei così voluto per quando riguarda i Dolenti xD, esseri disgustosi che si aggirano per il labirinto di notte e cercano di uccidere i ragazzi. Essendo un distopico è ambientato in un lontano futuro dove il mondo non è quello che conosciamo a causa di un evento catastrofico. Ma questa parte della storia viene svelata alla fine, quindi non vi dirò nient'altro su questo strano futuro. La spiegazione della reclusione dei ragazzi nel labirinto l'ho trovata molto azzeccata anche se spaventosa, come tutto ciò che sta accadendo in quel futuro. Il finale è il perfetto inizio per il libro seguente, che infatti non vedo l'ora di leggere. Come primo libro di una trilogia è davvero ben riuscito. Gli do quattro cuoricini solo per la confusione che ho provato all'inizio e per alcune cose che non mi sono piaciute (come la telepatia buttata lì senza senso).

IL MIO GIUDIZIO
♥♥♥♥

4 commenti:

  1. Ciao^^ Quest'anno anch'io ho festeggiato Halloween con i miei amici! :D Comunque sono contenta che anche a te sia piaciuto questo libro.. la mia storia è un po' come la tua, anche io, prima di conoscere il film, non l'avevo mai inserito nella WL, però dopo averlo letto si è rivelato proprio bello! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno a cui piace festeggiarlo come me ^-^ Eheheh colpevole xD Ultimamente stanno uscendo un sacco di film che mi spingono a leggere i libri! E menomale aggiungerei!!

      Elimina
  2. L'ho adorato! Mi è piaciuto veramente molto **
    Anche io ne ho scritto una recensione nel mio blog :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dafne! Vengo a leggere la tua recensione ;)

      Elimina